Typography

mano adulto bambinoLa psicoterapeuta: "Alla base di gesti simili c'è una società deficitaria verso i bisogni delle persone"La cronaca ci ha riportato in questi, pochi giorni ben tre casi di figlicidio.

Il 29 novembre Loris, un bambino di 8 anni, viene ucciso nel Ragusano. Molti i sospetti sulla madre. L'11 dicembre, in provincia di Imperia, una mamma uccide il figlio di 9 mesi buttandolo in mare. Lo stesso giorno, un uomo si getta dal quinto piano con il figlio di un anno, dopo aver ucciso la moglie. Tre eventi che fanno rabbrividire: da dove ha origine questa follia dei genitori?

"Questi gesti – spiega la dottoressa Margherita Spagnuolo Lobb, psicoterapeuta e direttore dell'istituto di Gestalt HCC Italy - hanno due motivazioni. Da una parte siamo di fronte a persone che estendono il fallimento di se stesse ai loro figli: mamme e papà che si sentono donne e uomini falliti nella vita e trascinano i figli nella loro decisione di morire. Sono questi i casi in cui i genitori tentano il suicidio contemporaneamente all'omicidio della prole. Dall'altra parte - prosegue la psicoterapeuta - sono genitori che non riescono ad essere tali. Avere un figlio comporta sacrifici e una trasformazione di sé di cui non tutte le donne e gli uomini sono capaci. E, alcuni di essi decidono di rinunciare ad essere genitori sbarazzandosi dei figli. Sono, questi, i casi di raptus e omicidi come quello della donna che ha annegato il figlio in provincia di Imperia". "In entrambi i casi - continua l'esperta - siamo di fronte a persone depresse, senza speranza nella profondità della loro esistenza, anche se non lo lasciano intendere. La condizione di sconfitta è totale per queste persone, arriva oltre se stesse, prende coloro che hanno generato in una sorta di anti-generatività. Questa è la condizione che porta le madri e i padri a uccidere i propri figli: questi genitori sentono di avere perso il senso della vita". "Questi fatti - spiega la dott.ssa Spagnuolo Lobb - succedono sempre più spesso perché la società è sempre più deficitaria verso i bisogni psicologici delle persone. La crisi sociale, economica e di valori, corrode le risorse della gente che, per disoccupazione, mancanza di risorse e opportunità, non riesce a realizzarsi nella società. Questa situazione nel nostro Paese dura da anni, ma non si è mai pensato concretamente di rinforzare le strutture sanitarie in modo che possano erogare un servizio di comprensione e aiuto psicologico. Al contrario, i servizi sanitari sono stati decurtati di personale".
"La mancanza di attenzione verso i bisogni psicologici delle persone – conclude - ha creato una condizione di estrema solitudine, che non può che peggiorare la loro disperazione. Occorre che la società si spenda per dare un sostengo alle giovani mamme e ai papà. Qualche decennio fa la legge 194 aveva istituito i consultori familiari con l'intento di sostenere le famiglie, dal concepimento alla genitorialità responsabile. Oggi questi servizi sono stati trasformati nella maggior parte delle regioni e non c'è più la cultura del sostegno alla genitorialità. È necessario, invece, rispondere in maniera attiva ai bisogni di queste coppie: con l'ascolto, favorendo gruppi di psicoterapia o di condivisione, e con servizi di accudimento dei loro bambini".
Margherita De Nadai

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x