Attualità
Typography

Due bambini su dieci in Italia sono in sovrappeso e uno su dieci è obeso. Un bambino su venti ha dei livelli alti di glicemia con una sindrome prediabete. Il 30% è esposto alla sindrome metabolica, arteriosclerosi e a danni epatici. Il 10% mostra già dei lievi livelli di ipertensione arteriosa. Inoltre i rischi per questi bambini sono complicanze gastrointestinali, respiratorie, ortopediche e psicosociali

In Italia due bambini su dieci (20%) sono in sovrappeso e uno su dieci (10%) è obeso, con una tendenza crescente dal Nord al Sud. La fascia d'età più colpita è quella dai 6 anni in su. Non solo, il 50% dei bambini e degli adolescenti obesi sarà così anche in età adulta. A dichiararlo Lisa Mariotti, nutrizionista pediatrica del dipartimento di Medicina dell'Infanzia e dell'Età Evolutiva ASST Fatebenefratelli-Sacco di Milano, nonché referente della Società Italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps).

La dottoressa elenca poi i dati e le patologie dei bambini obesi: "Un bambino su venti ha dei livelli alti di glicemia con una sindrome prediabete. Il 30% ha livelli alti di colesterolo e trigliceridi, quindi è esposto alla sindrome metabolica e anche a un'incidenza di arteriosclerosi. Sempre il 30% dei bambini obesi ha un primo danno a livello epatico con il fegato ingrossato. Il 10% mostra già dei lievi livelli di ipertensione arteriosa. Inoltre- prosegue la nutrizionista- i rischi per questi bambini sono: complicanze gastrointestinali, respiratorie, ortopediche e psicosociali".

L'allarme riguarda soprattutto i Paesi del Sud Europa e in particolare: Italia, Spagna, Grecia e Malta. "Questi Stati- spiega Mariotti- hanno un'incidenza maggiore di sovrappeso e obesità in età pediatrica e c'è anche una maggiore prevalenza di obesità grave, che è un livello più avanzato dell'eccesso ponderale".
La nutrizionista fornisce alcuni consigli per prevenire l'obesità che partono dall'età concezionale: "Mantenere un corretto peso anche in gravidanza e non fumare; fornire l'allattamento al seno fino ai 6 mesi; calcolare bene l'alimentazione complementare; evitare i fast-food in età scolare e adolescenziale; ridurre l'esposizione ai cellulari, schermi e giochi sotto le due ore al giorno; aumentare l'attività fisica".

I pasti sono 5 nell'arco della giornata: quelli principali, come la colazione, il pranzo e la cena, intervallati da una merenda e ognuno di questi deve avere "il giusto apporto di tutti i nutrienti. Per fare ciò- conclude- si può utilizzare, come gioco divertente per i bambini, il 'Nutripiatto' elaborato e proposto dalla Sipps: una rappresentazione grafica per evidenziare come strutturare un piatto ideale, con una buona percentuale di verdure, grassi, acqua, carboidrati e proteine".
Qui è possibile scaricare la guida della Sipps.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x