Botanica
Typography

Una pianta profumatissima dai mille usi, anche i più gustosi

La robinia, o acacia, come si suol dire forse più comunemente in Veneto, è una pianta, o meglio un albero, che in questo periodo, se abbiamo l'opportunità di fare una passeggiata in campagna o sui colli, impone la sua presenza con profumatissimi grappoli di fiori bianchi. Il profumo è molto intenso ed arriva quasi a stordire, rende comunque a mio parere più lontani i problemi e le preoccupazioni, donando alcuni minuti di distaccata meditazione.Questa pianta è diffusa in tutto il nostro paese, e dalla pianura si estende sino anche ai mille metri. È molto rustica e tende a svilupparsi anche a danno delle altre specie, soprattutto perché emette moltissime radici (polloni) laterali che le permettono di colonizzare ampie superfici circostanti.

La robinia è una pianta che il giardiniere del re di Francia Enrico IV nel 1600 importò per abbellire i giardini reali. Verso metà del 1700 venne portata in Italia, e dall'inizio del 1800 fu impiegata per consolidare terreni franosi e scarpate. La sua innata capacità di diffondersi ha fatto in modo che venga considerata infestante. Nel nostro Veneto è ampiamente apprezzata per la sua legna, infatti è un legno durissimo usato in falegnameria pesante: ad esempio, un tempo, per creare puntelli da usare in miniera, il legno dell'albero immerso in acqua per sette-otto mesi, rendeva quest'ultimo estremamente resistente alla macerazione. La legna di questa essenza è, inoltre, ottima per ardere in stufe e caminetti; i suoi fiori attirano le api che producono un notissimo e profumatissimo miele (miele di acacia). Le massaie venete hanno avuto sempre l'abitudine di preparare in questa stagione delle soavi e profumatissime frittelle con le cime fiorite dell'acacia. Potremmo quindi afferrare al volo la possibilità di raccogliere i fiori di acacia per fare una bella passeggiata, rilassarci e provare ad assaporare una squisitezza dei tempi andati.

Maria Stella Zaia

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x