Sociale
Typography

L'annuncio fatto dall'assessore regionale Remo Sernagiotto

Un "bonus famiglia" di un milione di euro, di cui 880 mila da destinare alle famiglie numerose (con numero di figli pari o superiore a quattro) e gli altri 120 mila euro per le famiglie con parti trigemellari. Questo, in estrema sintesi, il contenuto centrale del provvedimento regionale a favore delle famiglie numerose e di quelle con parti plurigemellari, approvato dal governo veneto e voluto dall'Assessore regionale alle politiche sociali Remo Sernagiotto che oggi l'ha presentato alla stampa. Erano presenti i rappresentanti dell'ANCI veneto e delle Associazioni delle Famiglie Numerose del Veneto, assieme a molti genitori e bambini plurigemellari.Si calcola che nel Veneto le famiglie numerose siano circa l'un per cento delle famiglie residenti nel Veneto che sono un milione e 900 mila.
"A Roma  - ha detto Sernagiotto - si discute da troppo tempo sul 'quoziente familiare', sugli aiuti alle famiglie e in particolare a quelle numerose. Il Veneto con questo provvedimento ha tradotto a livello regionale e ha così anticipato il 'suo' 'quoziente familiare" artigianale fatto con un contributo economico e non con la riduzione fiscale. Ciò dimostra l'attenzione speciale verso le famiglie e le tante difficoltà che hanno di fronte. Abbiamo messo a disposizione un milione di euro in un confronto costante e positivo con l'associazione delle famiglie numerose. Le famiglie con figli hanno un rilevante ruolo sia sul piano sociale che economico ma quelle numerose, con quattro o più figli, sono entrate in sofferenza con l'acuirsi della crisi. Con questo programma di interventi economici straordinari la Regione intende offrire, tramite i Comuni, un supporto economico una tantum per migliorare la qualità di vita e si tratta di soldi veri, liquidabili al più presto".
 L'Assessore ha tenuto a sottolineare che: "è un provvedimento regionale, lo ripeto anche per far fronte alla cattiva informazione che qualche comune, in questo caso trevigiano, sta dando alla popolazione. La Regione l'ha ideato e formalizzato assieme alle famiglie numerose. I Comuni sono ovviamente gli enti che devono attivarsi per far conoscere modalità e tempi per compilare le richieste e farle pervenire in tempo utile alla Regione".
Le domande dovranno essere presentate dai comuni entro il 31 ottobre. I requisiti richiesti sono la cittadinanza italiana, la residenza da almeno 5 anni nella Regione del Veneto, un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) riferito ai redditi dell'anno precedente non superiore a 30 mila euro.
Il bonus varia a seconda del numero dei figli: 600 euro alle famiglie con 4 figli; 700 euro con 5 figli; 800 euro con 6 figli; 900 euro con 7 figli; 1.000 euro con 8 figli; 1.200 euro con 9 figli o in numero superiore a 9. Per le famiglie con parti trigemellari è invece previsto un bonus di 900 euro ma, se sono presenti altri figli, la famiglia non potrà beneficiare di entrambe le tipologie di contributo.

 

Giacomo Piran

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x