Sanità
Typography

"Siamo pronti a manifestare contro la Regione qualora verranno portati in giunta i tagli previsti. Se saremmo costretti, consegneremo le chiavi delle nostre strutture al presidente Zaia".

E' amareggiato Vittorio Morello, presidente Aiop che rappresenta 19 case di cura, all'indomani della minaccia da parte della giunta Zaia di tagliare ai privati convenzionati ben 66 milioni di euro.
"Ci vogliono mettere in ginocchio, dice Morello – non solo è dal 1995 che non vengono ritoccate le nostre tariffe e, ugualmente, abbiamo sempre garantito un servizio di qualità al cittadino. Ma ora la Regione vuole anche toglierci quel fondo che era stato istituito proprio in mancanza di un adeguamento delle quote". Il fondo di finanziamento per i privati convenzionati è di 66 milioni di euro, una risorsa fondamentale per pagare i dipendenti. "Intorno all'Aiop (Associazione Italiana Ospedalità Privata) – dice Morello – girano circa 6.000 lavoratori tra dipendenti e collaboratori esterni. Curiamo ogni anno circa 750mila veneti. Se la Regione deciderà per il taglio, ne andranno di mezzo prima i lavoratori a cui non potremmo rinnovare il contratto e poi i cittadini che saranno costretti a emigrare fuori regione".

Ines Brentan

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x