Sanità
Typography

Dal 26 luglio scorso non si trovano più pillole contraccettive in fascia A, cioè a totale carico del Ssn. Questo perché da quella data è entrata in vigore una determina Aifa che ha delistato in fascia C tutti gli anticoncezionali prima “coperti” dal Servizio sanitario.

 

E’ la denuncia lanciata da Amica (Associazione medici italiani contraccezione e aborto) in una conferenza stampa organizzata ieri con Aidos (Associazione italiana donne per lo sviluppo), Sud, Udi (Unione donne in Italia) e Cittadinanzattiva per la Giornata mondiale della contraccezione.

"Davanti alla determina non ci sono state grandi reazioni, in particolare tra le donne" ha spiegato Anna Pompili, di Amica "ho pensato a cosa sarebbe successo in un altro paese europeo come la Francia, le donne italiane sono assuefatte all'idea che la contraccezione sia un fatto privato, che non riguarda lo Stato o la comunità nella quale vivono".

La Consulta dei consultori di Roma, insieme ad Amica e altre associazioni, chiede la gratuità della contraccezione, già prevista per i consultori ma non pienamente attuata, almeno per le adolescenti e le donne in condizioni economiche precarie, l'allineamento del costo dei contraccettivi in Italia a quello medio dei paesi europei, più basso, e la possibilità di accedere alla contraccezione sicura dopo un'interruzione volontaria di gravidanza, oltre alla possibilità di aborto farmacologico in regime ambulatoriale e il potenziamento dei consultori.

 

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x