Sanità
Typography

A metà tra la fisioterapia e l’ortopedia.  Con un metodo semplice da insegnare ed applicare, veloce e immediato negli effetti benefici e per questo anche meno costoso. E’ il metodo della manipolazione fasciale, ossia una tecnica manuale e riabilitativa adoperata per il trattamento di disfunzioni e sintomatologie dolorose a carico dell’apparato locomotore. Dal 21 al 25 gennaio prossimo l’Università di Padova proporrà addirittura una scuola di approfondimento dedicata presso l’Istituto di Anatomia di via Gabelli.

Il metodo è stato elaborato e proposto da Luigi Stecco, primo fisioterapista italiano iscritto nella scuola nazionale, originario di Arzignano (VI) che ancor oggi, seppur in pensione, pratica questa sua tecnica. A seguire le sue orme anche i figli Carla e Antonio, rispettivamente oggi ortopedico e fisiatra, una professore associato presso il dipartimento di neuroscienze presso l’università di Padova, l’altro presso l’ateneo di New York, che hanno deciso di dare anche una base scientifica agli studi del padre.

“Abbiamo creato - spiega Carla - le basi razionali anatomiche, logiche e biomeccaniche che permettono a tutti di accedervi e di trattare i pazienti in breve tempo, dando loro una risposta in termini di salute e benessere, in poche sedute e quindi con costi relativi. Non è più il tempo della fisioterapia pubblica pagata e fatta da tante sedute. Oggi serve una risposta immediata ed efficace a la manipolazione fasciale risponde proprio a questo.”
Solo lo scorso anno sono state formate al metodo fasciale 3000 persone attraverso l’associazione no profit l’A.M.F, fondata dai due fratelli e dal padre per riunire tutti coloro che vogliono far conoscere e studiare le potenzialità terapeutiche della Manipolazione Fasciale.
Complessivamente l’associazione è riuscita fino ad oggi, solo con il passaparola , a diffondere i suoi corsi in 55 paesi del mondo – dalla Cina al Sud America fino all’Africa dove sono presenti in Kenya e Sudafrica, così come in Europa.

L’Università di Padova, attraverso il dipartimento di neuroscienze, ha organizzato per la prossima settimana la cosiddetta WINTER SCHOOL dedicata proprio a questa tecnica e alle sue applicazioni.
Da lunedì 21 al 25 gennaio prossimo presso l’Istituto di Anatomia, in via Aristide Gabelli 67, ben 40 partecipanti, tutti docenti di altri metodi di fisioterapia e scienze motorie , provenienti da tutto il mondo, dalle 9 alle 18 seguiranno lezioni teoriche e pratiche di manipolazione fasciale. Titolo del corso “Fascial Anatomy: cadaver dissection, biomechanics and ultrasound imaging in living” che vedrà tra gli insegnanti anche una docente canadese. https://www.neuroscienze.unipd.it/corsi/winter-school

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x